top of page
  • Immagine del redattoreTeodoro Aragona

Setto nasale deviato: nessuno è perfetto


Quante volte ne hai sentito parlare?

Il setto nasale è una struttura ossea e cartilaginea che divide il naso in due fosse nasali. Il setto nasale non è da confondere con la piramide nasale (il naso esterno che possiamo apprezzare). Per motivi congeniti o dopo traumi nasali, anche di lieve entità in età infantile, si può avere una crescita non simmetrica di questra struttura che crea la deviazione, più o meno significativa con una conseguente alterazione dei flussi nasali. Da un punto di vista clinico il paziente riferisce una difficoltà respiratoria nasale, monolaterale o bilaterale. Altri sintomi possono essere la percezione del ciclo nasale, quindi di sentire in maniera alternata una narice tappata. Talvolta alcune deviazioni predispongono a sinusiti recidivanti con difficoltà respiratoria acuta, rinorrea (perdita di muco anteriore e/o posteriore), ipo-anosmia (perdita parziale o totale dell'olfatto), cefalea, febbre, respirazione orale obbligata, russamento ed apnee del sonno.

Di per se tuttavia non rappresenta sempre una condizione patologica. Esistono infatti tante persone che, a dispetto di setti nasali macroscopicamente importanti, non manifestano sintomi.

Quindi risulta fondamentale integrare i dati anamnestici con quelli clinico-strumentali per formulare una diagnosi e considerare l'approccio terapeutico più appropiato.

In caso di deviazioni del setto clinicamente importanti la terapia di scelta è quella chirurgica di settoplastica. Tale intervento va a correggere la deviazione del setto e può essere effettauta senza cicatrici esterne. Interessa esclusivamente il setto e non determina cambiamenti estetici sul naso. Permette la creazione di due fosse nasali ampie capaci di supportare un adeguato flusso respiratorio nasale.

500 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page