top of page
  • Immagine del redattoreTeodoro Aragona

Sleep Endoscopy: i meccanismi del russamento e delle apnee del sonno

Aggiornamento: 17 mag 2023


Nell'ambito della diagnostica della sindrome delle apnee ostruttive del sonno gioca un ruolo importante la sleep endoscopy (DISE: Drug-induced sleep endoscopy - endoscopia durante il sonno indotto).

Abbiamo visto in altri articoli cos'è il russamento, perchè avvengono le apnee del sonno, le conseguenze sulla salute generale e quali sono gli approcci terapeutici.


Lo studio in endoscopia di cosa accade durante il sonno rappresenta un momento estremamente affascinante ed importante.


Lo scopo è quello di capire i pattern ostruttivi del singolo paziente, riuscendo successivamente a capire quale strategia terapeutica possa fare al caso clinico in questione.


Tale studio avviene mediante un sonno indotto farmacologicamente (nessuno riuscirebbe a dormire spontaneamente con un endoscopio nel naso).

Durante tale esame, raggiunto un adeguato livello di sedazione, monitorati una serie di parametri (ad es. saturazione, battito cardiaco, flussi respiratori) si iserisce un fibroendoscopio flessibile dalle narici e si studiano le alte vie aeree.


Fondamentalmente tale esame viene effettuato quando il chirurgo qualificato in disturbi respiratori del sonno intende capire che tipo di intervento può essere proposto al paziente in alternativa alla C-PAP oppure viene effettuata per capire come mai vi sia una scarsa risposta alla terapia con C-PAP.


Come viene effettuato l'esame?

Il paziente viene accompagnato in una sala dedicata e posizionati una serie di presidi atti a monitorare alcuni paramtri vitali durante l'esame (saturazione di ossigeno, stato di profondità del sonno, battito cardiaco, ecc), posizionato un accesso venoso attraverso cui l'anestesista somministrerà dei farmaci in grado di riprodurre un sonno simile a quello che normalmente si verifica ogni notte.

Lo specialista esamina le vie aeree raccogliendo una serie di parametri fondamentali tra cui:

- pervietà del naso e della porzione posteriore (rinofaringe)

- conformazione del palato molle, della base linguale, delle tonsille, della laringe, dell'ipofaringe

- pattern di occlusione

- risposta/modifica dell'occlusione se portata avanti la madibola (pull-up mandibolare) o se si dorme in fianco.


Alla fine dell'esame, mettendo insieme tutti gli elementi del caso, tra i quali sintomi del paziente, anatomia delle alte vie aeree, dati della polisonnografia, comorbidità, dati di imaging ed elementi forniti dalla sleep endoscopy si propone al paziente un programma terapeutico chirurgico personalizzato, cucito come un abito sartoriale.


Tale esame, tuttavia, deve essere prescritto e consigliato da uno specialista qualificato in disturbi respiratori ostruttivi del sonno.







Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page